Da Non Perdere

27.06.2019

 

Otto novità in sala questa settimana. Attesissimo è arrivato Toy Story 4, l’ultimo capitolo della saga d’animazione Pixar iniziata nel 1995, che stavolta ha un tocco più femminile. Ritroviamo lo sceriffo Woody, Buzz e gli altri giocattoli a casa della piccola Bonnie, la bimba con una forchetta costruisce un nuovo giocattolo Forky, che però si crede spazzatura e si butta via. Woody farà di tutto per ritrovarlo e fargli capire l’importanza dell’amore di una bambina. Al doppiaggio italiano Angelo Maggi, Massimo Dapporto, Luca Laurenti e Corrado  Guzzanti, canzoni di Riccardo Cocciante e Benji e Fede.

Dopo anni di difficoltà produttive l’eclettico Xavier Dolan torna al cinema con La mia vita con John F. Donovan, la storia dell’intenso rapporto epistolare tra un ragazzo e il suo divo preferito raccontata come un flashback a distanza di anni. Un cast di stelle hollywoodiane: Susan Sarandon, Kathy Bates, Natalie Portman e Kit Harington da Il Trono di Spade.

Ralph Fiennes firma Nureyev – The White Crow, un atto d’amore verso uno dei più famosi danzatori del Novecento Rudolf Nureyev. Il regista, che si è ritagliato anche un ruolo d’attore, racconta un episodio particolare della vita del  ballerino russo naturalizzato austriaco: il suo rocambolesco passaggio all’Ovest nel ’61 braccato dal KGB. Lo interpreta Oleg Ivenko.

Dalla Spagna Carmen y Lola di Arantxa Echevarria con Zaira Morales e Rosie Rodriguez. Due ragazze gitane, che vivono alla periferia di Madrid, non accettano la vita tradizionale che è stata scelta per loro. S’innamoreranno, ma non sarà facile superare il dissenso della comunità.

Per gli amanti del brivido Ma, horror di Tate Taylor, con Octavia Spencer, Juliette Lewis e Luke Evans. Una donna offre ad un gruppo di ragazzi la possibilità di fare festa nella cantina di casa sua, a patto di rispettare alcune regole.

Con la sua opera prima Wolf Call – Minaccia in alto mare, lo sceneggiatore di fumetti Antonin Baudry propone un action-thriller coinvolgente tra intrighi geopolitici, ambientato in un sottomarino francese dove un misterioso suono compromette una missione.

Lorenzo Giovenga propone Daitona. Ventiquattr’ore nella vita dello scapestrato scrittore romano Loris Daitona, autore a soli sedici anni del best-seller Ti lovvo e ora in crisi creativa.

Infine Atto di Fede di Roxann Dawson, tratto dal libro biografico di Joyce Smyth, racconta la storia di un ragazzo caduto in un lago ghiacciato e dichiarato morto che torna inspiegabilmente alla vita. Per la madre è un miracolo dovuto alle preghiere.

Buon weekend al cinema!