Da Non Perdere

05.11.2019
L'intervista di Prisca Civitenga al regista Claudio Insegno
PLAY

Arriva finalmente in Italia il coinvolgente musical thriller Sweeney Todd che racconta la favola nera del Diabolico Barbiere di Fleet Street resa celebre dal film di Tim Burton del 2008 con Johnny Depp ed Helena Bonham Carter. In realtà la macabra storia di vendetta è nata dalla penna del drammaturgo inglese George Dibdin Pitt nel 1842, è diventata un film la prima volta nel lontano 1936 e poi nel 1979 un musical di grande successo nei teatri di Londra e Broadway scritto da Stephen Sondheim su libretto su Hugh Wheeler, che ha avuto negli anni interpreti d’eccezione come Angela Lansbury e Emma Thompson.

Il regista Claudio Insegno ha accettato la sfida di portare il musical in Italia e si è divertito a spaventare il pubblico raccontando del serial killer che operava nella Londra di fine Ottocento. Uno spettacolo horror e splatter, quindi, dalle atmosfere gotiche, dove non mancano schizzi di sangue che arrivano fin sulle prime file degli spettatori, quando il nostro barbiere taglia amabilmente le gole cantando.

Ecco il cast italiano: Lorenzo Tognocchi, Francesca Taverni, Simone Leonardi, Luca Giacomelli Ferrarini, Federica Deriggi, Annalisa Cucchiara, Michelangelo Nari, Domenico Nappi, Vitantonio Boccuzzi.

Sweeney Todd Il Diabolico Barbiere di Fleet Street è in scena al TEatro Olimpico di Roma dal 5 al 10 novembre. Lo spettacolo è vietato ai minori di 14 anni .

LA STORIA

Il barbiere Benjamin Barker viene ingiustamente arrestato e obbligato all’esilio in Australia dal giudice Turpin che è innamorato della moglie di Barker, Lucy.

Il protagonista, dopo quindici anni, fugge dalla detenzione e adotta il nome di Sweeney Todd, tornando a vivere nel suo vecchio appartamento in Fleet Street sopra il negozio di pasticci di carne di Mrs. Lovett.

In seguito alla scoperta della sua vera identità, la donna gli racconta che, dopo il suo arresto, Turpin violentò sua moglie la quale decise di avvelenarsi; Turpin adottò quindi la figlia di lui, Johanna, diventandone il tutore. Apprese queste notizie, Todd prova desiderio di vendetta e decide di riaprire il suo vecchio negozio di barbiere bramando e attendendo che la vendetta sul giudice Turpin si possa finalmente consumare. Intanto fra Todd e Lovett si instaurerà una relazione ambigua ed enigmatica, che sfocerà in un sentimento corrotto che farà capitolare gli eventi e porterà al drammatico e avvincente finale.