Da Non Perdere

01.03.2019
L'intervista di Prisca Civitenga a Lillo
PLAY

“Se sei rock lo ami, se non lo sei lo diventi!” Questo lo slogan che accompagna il nuovo attesissimo adattamento italiano di Massimo Romeo Piparo del musical che Andrew Lloyd Webber ha tratto dal film di Richard Linklater del 2003 School of Rock. Al cinema era l’irresistibile Jack Black ad interpretare Dewey Finn, il chitarrista irriverente che s’improvvisa insegnante, ora sul palco troviamo Lillo, al secolo Pasquale Petrolo, che con la sua comicità, la sua verve e la sua fisicità ricorda molto Jack Black, senza bisogno di imitarlo in alcun modo. In questa occasione senza il compagno d’avventure Greg, Lillo si trova per la prima volta in un musical vero e proprio, dando prova del suo talento musicale, già dimostrato con i Latte e i suo derivati, e di quello di performer trascinante e divertente che non farà mancare qualche iconico passo di danza, “con una certa dose di immaturità di cui vado molto fiero” ci racconta.

Un trionfo di musica, energia e risate, per uno spettacolo dedicato alle famiglie che vede nel cast 14 giovani talenti tra gli 11 e i 14 anni cresciuti tra gli allievi dell’Accademia Sistina. Il ruolo della preside Rosalie Mullins, invece, è affidato a Vera Dragone che vocalmente spazia da atmosfere alla Patti Smith fino alla Regina della Notte di Mozart. Seguendo il solco tracciato da Billy Elliot e Tutti insieme appassionatamente il regista Massimo Romeo Piparo ha concepito uno show che coinvolgesse i giovani e i giovanissimi, oltre che gli adulti, che rappresentano il nostro presente e il nostro futuro: “in School of Rock è il bambino che insegna ai grandi cosa siano il rispetto, l’amore, la comprensione. Ed è per questo che mi auguro di vedere i Teatri riempirsi di famiglie sedute insieme a divertirsi – ma a commuoversi nello stesso momento – davanti alla pirotecnia musicale di questo Musica”. Attraverso il linguaggio universale e dirompente del rock una storia di talento e di passione che invita a credere in se stessi e a non rinunciare mai ai propri sogni.

La trama:

Dewey Finn, un bravissimo chitarrista rock, è troppo scalmanato e la sua band decide di cacciarlo. Perennemente senza soldi, sempre scansafatiche a meno che non si tratti di suonare, Dewey si spaccia per il supplente di una prestigiosa scuola. Ma, invece di insegnare materie di cui non sa nulla, il chitarrista inizia a tenere lezioni particolari ai suoi studenti, interamente incentrate sulla musica. Con grande sorpresa, scoprirà in loro un innato talento rock… i giovani allievi sotto la sua guida formeranno una band esplosiva, pronta a battersi in un famoso concorso di musica. C’è un problema però: Dewey riuscirà a far gareggiare i suoi ragazzi senza farsi scoprire dalla preside della scuola e dai genitori?

La tournée:

Dal 1 al 31 marzo, ROMA, Teatro Sistina

Dal 3 al 7 aprile, GENOVA, Politeama

Dal 10 al 14 aprile, FIRENZE, Teatro Verdi

Dal 19 al 20 aprile, TRENTO, Auditorium Santa Chiara

Dal 3 al 5 maggio, ASSISI, Teatro Lyrick

Dal 9 al 12 maggio, TRIESTE, Teatro Rossetti

Dal 21 al 22 maggio, PARMA, Teatro Regio

Dal 24 Ottobre, MILANO, Teatro della Luna