Da Non Perdere

04.11.2021
I fratelli Sabrina e Riccardo Tedeschi intervistati da Martina Procaccini
PLAY

Debutta ufficialmente il nuovo Maternigo Amarone della Valpolicella DOCG Riserva 2016, il progetto enoico che identifica in maniera precisa e definita la storia della famiglia Tedeschi, un cammino fatto di valori e tradizioni con lo sguardo sempre rivolto al futuro. L’azienda – mantenendo sempre un profondo legame con il territorio – si racconta ancora una volta attraverso i suoi vini eleganti, strutturati e longevi, frutto di un attento percorso di ricerca e di valorizzazione della Valpolicella, in cui emerge una forte identità tra radicamento al territorio e vocazione all’innovazione.

Il nome Maternigo significa “terra della madre”: un tempo, infatti, nella proprietà sorgeva una struttura di accoglienza per le ragazze partorienti. In etichetta si è deciso quindi di rendere omaggio a questo territorio ricco di storia, rappresentando simbolicamente le quattro strade che portavano all’antica tenuta, così densa di significato. L’intera area della Tenuta copre circa 33 ettari nei comuni di Tregnago e Mezzane di Sotto. È una zona di alta collina con altezze che variano dai 290 ai 480 metri s.l.m., caratterizzata da terreni calcari marnosi grigi e rosei e da marne bianche e rosa del Cretacico.

L’Amarone Maternigo nasce dal vigneto Barila, situato a 310 metri d’altezza con esposizione sud est, un appezzamento che, solo dopo un’attenta zonazione e caratterizzazione dei suoli, è stato selezionato per la sua produzione di uve particolarmente ricche in struttura. Da qui prende forma l’impronta aromatica di questa Riserva grazie a un’alta concentrazione di composti aromatici naturali presenti nelle uve: dalle note di frutti rossi ai sentori floreali mediterranei, alle fresche note di eucalipto che esaltano le intense percezioni di spezie dolci di cannella e di chiodi di garofano. Un vino dalla grande struttura, elegante e longevo, caratteristiche che si ritrovano in tutte le etichette dell’azienda Tedeschi, elementi distintivi che identificano uno stile, che è la firma dell’azienda stessa.

“L’attento e meticoloso lavoro aziendale deve andare a risaltare le caratteristiche del vigneto”, dichiara soddisfatto Riccardo Tedeschi. “Ed è così che abbiamo operato e operiamo da sempre: questo nuovo traguardo è quindi la somma del lavoro, della ricerca e della passione di tutti noi, un simbolo di continuità familiare. Abbiamo portato avanti, insieme ad Antonietta e Sabrina, il sogno e lo stile di nostro padre con la creazione di un vino distintivo: l’Amarone Maternigo dove il marchio Tedeschi è riconoscibile e inconfondibile, un prodotto capace di sorprendere per la sua unicità e di migliorare con il tempo”.

Questo Amarone svela la cultura e la tradizione di una passione famigliare che va di pari passo con la pazienza per l’attesa: una Riserva di grande carattere che esprime in modo inconfondibile il marchio della famiglia Tedeschi. Come già nel 1964 Lorenzo, grazie a intuito e lungimiranza, fece dell’Amarone Monte Olmi un simbolo di stile inconfondibile ancora oggi riconosciuto e premiato in tutto il mondo, così oggi i figli – Antonietta, Sabrina e Riccardo – proseguono il lavoro con la stessa dedizione, continuità, attenzione e cura.